Secondo la stampa spagnola, Mauro Icardi potrebbe essere venduto per un importo molto inferiore rispetto ai 110 milioni della sua clausola, il suo rapporto con l’Inter ora sarebbe inesistente.

È nei momenti più difficili che viene mostrato il vero amore. È stato in un momento come questo che ho deciso di rimanere all’Inter, per l’Inter. Quando ho sentito che i miei obiettivi potevano aiutare l’Inter a essere più forte di così tante cose. Più forte dei problemi di fair play finanziario. Più forte delle nostre difficoltà, quando molti giudicavano l’Inter come una squadra che non valeva molto. All’Inter. Con l’Inter. E nonostante tutto, ho sempre deciso di restare. Per amore per questi colori. Ho respinto molte offerte che difficilmente un giocatore professionista avrebbe potuto rifiutare, specialmente a queste condizioni. Queste erano le parole di Mauro Icardi lo scorso giovedì, sui suoi social network.

L’attaccante argentino è uscito dal silenzio in piena polemica, dopo le dichiarazioni di sua moglie e dell’agente Wanda Nara in diretta televisiva, o la decisione dell’Inter di rimuovere la fascia da capitano. L’atmosfera non sembra in ogni caso non buona tra la stella dell’Inter e il suo allenatore, Luciano Spalletti, e il quotidiano Marca rivela questo sabato nuove informazioni su questa soap opera che nutre i media italiani ma anche lo spagnolo da tempo già.

Mauro Icardi sarà svenduto?

Il rapporto con la squadra dell’attaccante non avanza, al contrario, e le voci di partenza sono sempre più insistenti. Secondo il quotidiano spagnolo, il rapporto con l’Inter sarebbe totalmente rotto e il Real Madrid avrebbe rinnovato la speranza in questo caso. Meglio ancora, il giocatore potrebbe lasciare l’Inter per un importo stimato tra i 40 ei 50 milioni di euro! Un prezzo molto inferiore alla sua clausola liberatoria di 110 milioni di euro, ma tutto lascia pensare che i leader milanesi non avranno altra scelta. Un’enorme opportunità di mercato per le Merengues.

Meglio, Wanda Nara ha parlato al quotidiano spagnolo. “Ciò che è stato detto in Spagna sul fatto che Mauro non andrà al Real Madrid per causa mia è falso, abbiamo molto rispetto per il Real Madrid”, ha spiegato, rispondendo alle informazioni pubblicate in precedenza sull’altra sponda dei Pirenei dove spiegava che i leader di Madrid temevano il modo di lavorare di colui che gestisce gli interessi del giocatore. La soap opera è tutt’altro che finita!