Vincitore di due gol a uno sulla SPAL, l’Inter ha preso il comando della Serie A, davanti alla Juventus. Ancora una volta, l’attaccante argentino Lautaro Marinez si è distinto.

Contro la SPAL, l’Inter ha appena segnato il quinto successo casalingo in campionato (2-1). Di conseguenza, gli uomini di Antonio Conte hanno approfittato della frenata in casa della Juventus contro il Sassuolo (2-2) per prendere il controllo della Serie A. Se l’effetto Conte è ancora una volta elogiato (mai prima d’ora), l’Inter non aveva conosciuto un tale inizio, un altro uomo nerazzurro ha fatto notizia: Lautaro Martinez (22 anni). Autore di una doppia ieri, l’argentino è l’altro grande uomo che ha permesso ai Lombardi di superare la Juventus in classifica.

Non stupisce quindi vedere stamattina due dei principali transalpini quotidiani che gli rendono omaggio: il tiro Lautaro, l’Inter ai comandi (Corriere dello Sport), l’Inter vince e supera la Juve con un super Lautaro (Gazzetta dello Sport). Un aumento di potere che si conferma di mese in mese per un elemento che ha sfruttato la sua forma eccellente per sedurre anche nella selezione nazionale. Perché con l’Inter, Martinez ha incatenato gli obiettivi. Nelle sue ultime tre partite, in tutte le competizioni, ha segnato cinque volte.

Un nuovo contratto come ricompensa

In campionato, il record è di otto in quattordici presenze. E dall’inizio della stagione, ha segnato sedici partite in venticinque partite giocate con la sua squadra e la sua selezione. Pertanto, è più facile capire perché l’Inter de Conte non si arrende alla follia di Gabigol, prestata dai nerazzurri e ultra decisiva con Flamengo. Conte l’ha ripetuto, tiene con il duo Lukaku-Martinez, una coppia vincente. Alla fine della riunione di ieri, anche il tecnico interstatale lo ha ricordato. Lautaro ha sempre fatto parte dei miei piani. Lui e Lukaku lavorano molto. Lauti, come lo chiamo, viveva troppo in base agli obiettivi segnati. Ma i grandi aggressori sono quelli che lavorano per la squadra.

Concentrarsi sul lavoro di squadra e sugli obiettivi arriverà da soli, un leitmotiv vincente stampato da Conte nel cranio del suo marcatore. L’Inter lo considera quindi più che mai un tesoro ed è per questo che ha logicamente respinto i progressi di un FC Barcelona molto interessato allo sviluppo della nuova selezione del partner Lionel Messi. Nel 2020, il colosso italiano dovrebbe anche affrontare l’estensione del contratto della sua albiceleste internazionale secondo la Gazzetta dello Sport. Attualmente, Martinez è legato ai nerazzurri fino al giugno 2023 e riceve 1,5 milioni di euro all’anno. Uno stipendio che diventerà rapidamente non conforme ai suoi benefici se l’argentino continuerà il suo slancio.