Senza molta immaginazione e mancanza di nitidezza, l’Inter ha dovuto accontentarsi di un triste pareggio (0-0) in casa della Roma. La Juventus può prendere il comando in Serie A in caso di vittoria domani sul prato della Lazio.

La 15ª giornata di Serie A è iniziata con uno scontro tra Inter e Roma. Leader di questo campionato, l’Inter non mirava a nient’altro che alla vittoria per esercitare pressione sulla Juventus. Conte non aveva tutti i suoi uomini forti poiché Barella, Sanchez, Sensi e Gagliardini erano assenti. L’allenatore italiano ha iniziato nel mezzo Candreva, Vecino, Valero, Brozovic e Biraghi a sostegno del duo Lautaro Martinez-Romelu Lukaku. Anche la Roma ha dovuto fare a meno di alcuni frame. Troppo giusto, Dzeko iniziò mentre Pastore, Cristante e Zappacosta erano ancora assenti. Fu Zaniolo ad essere in prima linea nell’attacco di fronte a un trio di Mkhitaryan, Pellegrini e Perotti.

È stato il lupo a iniziare al meglio l’incontro. Tornò risolutamente sul prato e riuscì a occupare il campo opposto. Tuttavia, non è stata creata un’opportunità, solo situazioni calde mentre è Lukaku, su un errore Veretout nell’asse, che è stato il primo a brillare splendendo Mirante (9°). Questo buon inizio dell’incontro con i romani fu contaminato da una nuova ferita, quella di Santon. L’ex Inter ha visto Spinazzola sostituirlo con poco preavviso (16°). Zaniolo ha risposto con un tiro dalla sinistra che non era abbastanza per scuotere Handanovic (19°). Dopo una complicata prima mezz’ora, l’Inter è tornata nei capelli della bestia. I nerazzurri si sono offerti diverse sequenze di conservazione dei proiettili in cui hanno effettivamente utilizzato i lati.

Inter mancanza di idee

Ma ancora una volta le opportunità erano molto rare. C’è stato questo scambio tra Borja Valero e Martinez, che ha provocato uno sciopero degli argentini (32°), o questa svolta Biraghi nella zona. Impiccato da Spinazzola, il giocatore prestato dalla Fiorentina è crollato ma l’arbitro non ha sussultato (38°). Brozovic lo ha mancato completamente dopo questa trasmissione di Lukaku e un brutto rilancio di Mirante (43°). È stata l’occasione migliore. In una serata media, l’Inter ha ricominciato sullo stesso ritmo; a un piccolo trotto. Tuttavia, sembrava esserci qualcosa di meglio dalla ripresa. Borja Valero ha colpito l’asse per trovare Vecino entro 16 metri. Quest’ultimo ha raggiunto una sequenza di qualità ma ha perso un eccellente Mirante (47°).

Il ritmo è sceso immediatamente. Lautaro Martinez stava lentamente scomparendo mentre la sua squadra stava esaurendo la potenza negli ultimi 30 metri. L’ingresso di Dzeko è stato positivo per la Roma e anche per quell’incontro (68°). Il bosniaco ha portato più presenza sulla superficie opposta e il supporto per uno Zaniolo troppo solo. Nell’ultimo quarto d’ora, l’Inter ha tentato provvisoriamente di forzare la decisione. Martinez ha richiesto un rigore dopo un magnifico ritorno Spinazzola, aiutato dalla mano (70°). L’ex Racing stava tenendo la palla dritta tra i suoi piedi, ma è stato dopo questo eccellente centro Vecino, lasciato nella parte posteriore della difesa (87°). Il leader della Serie A stava spingendo negli ultimi minuti, non c’era niente da fare. La partita si è conclusa con un triste pareggio per 0-0 e la Juventus è in grado di riprendersi la testa.