Dall’arrivo in AS Roma, Javier Pastore ha già subito quattro infortuni al polpaccio. Queste assenze sollevano interrogativi tra i leader giallorossi, che potrebbero prendere in considerazione il reclutamento al suo posto a gennaio.

L’infermeria è sempre piena dalla parte dell’AS Roma. Dall’inizio della stagione, molti giocatori hanno problemi muscolari (20 in totale) e altri tipi (11 in totale). Javier Pastore (28) è il simbolo di questi ripetuti problemi. Il centrocampista argentino ha già riscontrato quattro volte i suoi problemi al polpaccio, il che ha già ostacolato il periodo in cui viveva a Parigi SG.

Se ora è in forma (il Flaco ha fatto il suo ritorno contro l’Inter il 14 ° giorno, 2-2), il 27 °, che invece è piuttosto buono quando sul pre (2 gol in 8 partite di Serie A), rimane fragile. I giallorossi, tuttavia, hanno pensato che l’internazionale albiceleste (29 selezioni, 2 reti) aveva terminato le sue ferite ripetutamente quando ha messo 24 milioni di euro sul tavolo questa estate. Questo non è il caso e Monchi potrebbe dover reclutare a gennaio per gonfiare quest’area di gioco.

Monchi moltiplica le tracce

Record in Portogallo assicura che è in questo contesto che il direttore sportivo spagnolo ha seguito le orme del messicano FC Porto Hector Herrera (28 anni). Il Corriere dello Sport conferma la sua squadra, spiegando che l’iberico ha lanciato diverse missioni di scouting per trovare la gemma a centrocampo. E il minimo che possiamo dire è che le tracce sono numerose.

Denis Suarez (Barcelona) Sander Berge (Gent) attraverso Donny van Beek (Ajax Amsterdam), Oğuzhan Özyakup (Besiktas), Julian Weigl (Borussia Dortmund), Exequiel Palacios (River Plate), Bruno Guimarães (Atlético Paranaense) o Erick Gutierrez (PSV) e Gojko Cimirot (Standard), le prospettive non mancano. Se Javier Pastore non fornisce rapidamente sufficienti garanzie sulle sue condizioni fisiche, è quindi seriamente a rischio di sbarcare nuovi concorrenti.