Arrivato gratuitamente quest’estate dal PSG, Adrien Rabiot non è soddisfatto del suo tempo di gioco con la Juventus. Il centrocampista (24 anni, 6 presenze) vorrebbe giocare più spesso ma Maurizio Sarri lo “usa” a malapena.

Non vedo l’ora di iniziare questa nuova avventura. Queste furono le prime parole di Adrien Rabiot quando arrivò alla Juventus. Dopo mesi di conflitto con il club della capitale, il centrocampista, che aveva negoziato uno stipendio XXL e un succoso bonus per la firma, non nascondeva il suo entusiasmo per il passaggio a fianco della banda Cristiano Ronaldo. Oggi la situazione è diversa. Rimosso da terra sei mesi la scorsa stagione a causa della sua impostazione al PSG, Adrien Rabiot non si è sentito fisicamente al 100% all’apertura del campionato di Serie A.

In privato, il centrocampo internazionale francese (6 presenze) ha evocato una mancanza di resistenza e una progressione rallentata dalla mancanza di tempo di gioco al PSG. Dove il giocatore vorrebbe tenere il passo, il suo allenatore Maurizio Sarri sembra non essere d’accordo. Interrogato qualche settimana fa sull’argomento in una conferenza stampa, il tecnico italiano ha dichiarato: Cosa dovrebbe pensare Rabiot? Quel Matuidi è forte. Una risposta che non è bastata a convincere il principale interessato, colui che ha giocato solo 7 partite in questa stagione in Serie A (incluse solo tre posizioni). In effetti, il nativo di Saint-Maurice (Val-de-Marne) inizia a diventare impaziente e vorrebbe trovare i terreni una volta per tutte. Soprattutto perché il suo rapporto con il suo allenatore non è molto fluido. Al contrario. Dietro le quinte, l’ex parigino, che si sta riprendendo da un problema con gli adduttori, si lamenta della mancanza di comunicazione da parte di Sarri e fatica a capire cosa si aspetta da lui.

Desidera già partire Rabiot

Scontento dalla sua situazione, Rabiot inizia a chiedersi del suo futuro. Sotto contratto fino al 2023, l’ambiente bianconero, secondo le nostre informazioni, ha ricevuto molte richieste nelle ultime settimane. Diversi motori europei, specialmente in Inghilterra, hanno già espresso il loro vivo interesse per Véronique Rabiot. Alcuni, ben informati sulla sua situazione, hanno persino in programma di intervenire questo inverno. Le ragioni sono molteplici ma convergono allo stesso punto: il 24enne deve sentirsi pienamente fidato e avere uno status elevato alla Juventus, qualcosa di difficile da raggiungere a breve termine all’interno del club della Vecchia Signora.

Le ultime settimane e il suo regolare incarico nell’undici di Maurizio Sarri non hanno aiutato. Inoltre, le relazioni già miste tra Véronique Rabiot e il direttore sportivo Fabio Paratici non migliorano le cose. Giudicata a volte invasiva da alcuni membri del club, la madre del giocatore ha ripetutamente sollevato questo argomento con i leader italiani e ora sente che trova una soluzione rapida per suo figlio che non può permettersi di passare un’altra stagione in in panchina, ha giocato solo 12 partite in tutte le competizioni per un anno.