Dopo aver licenziato Carlo Ancelotti martedì sera, Aurelio de Laurentiis, presidente del Napoli, ha conquistato Gennaro Gattuso come nuovo allenatore.

Quando Aurelio de Laurentiis decretò una scommessa verde diversi giorni dopo la sconfitta contro la Roma lo scorso novembre, probabilmente non pensava che le cose sarebbero andate così. Ammutinamento del giocatore, risultati ancora a mezz’asta (tranne in Champions League) e in particolare il licenziamento di Carlo Ancelotti. Il presidente napoletano ha infatti deciso di separarsi dall’allenatore italiano, un anno e mezzo dopo averlo intronizzato. La fine affrettata di una storia eppure ben andata.

De Laurentiis vuole scuotere i suoi giocatori e per questo, ha deciso di nominare un allenatore con presa. Gennaro Gattuso subentrerà. “Benvenuto a te Rino”, ha confermato il capo Amministratore Delegato sul suo account Twitter prima che il club confermasse qualche istante dopo. Nei prossimi minuti è prevista una conferenza stampa per spiegare più in dettaglio questa scelta e i termini del contratto dell’ex internazionale italiano.

Obiettivo Champions League

Gennaro Gattuso arriva con un obiettivo chiaro, fissato dal suo nuovo presidente: qualificare il Napoli per la prossima Champions League, per finire nei primi 4 del campionato. Attualmente, il club è 7° in Serie A con 21 punti sul cronometro, 8 punti dal 4°, Cagliari. Soprattutto, non ha vinto in Serie A dal 19 ottobre e ha appena giocato sette partite consecutive senza successo. È quindi necessario riattivare le truppe con un uomo di carattere.

Secondo La Gazzetta dello Sport, Gattuso riceverà un totale di 750.000 euro entro giugno. Se riuscirà a qualificare il Napoli in Champions League, il suo contratto verrà automaticamente prorogato di due anni, con uno stipendio di 1,5 milioni all’anno. Casualmente, è un bel rimbalzo per l’ex centrocampista, 41 anni, che è stato licenziato dal Milan, il suo club del cuore, alla fine dell’ultima stagione, dove ha non sapevo come riparare definitivamente il club.