Questo venerdì, il Milan ha presentato Theo Hernandez ai media. L’opportunità per il lato sinistro di spiegare perché ha scelto di optare per i rossoneri questa estate.

In due anni, Theo Hernandez ha vissuto molti colpi di scena. Nell’estate del 2017, il lato sinistro, autore di un prestito di successo al Deportivo Alavés, aveva catturato l’attenzione del Real Madrid. Le Merengues non avevano esitato a rompere il patto di non aggressione con l’Atlético de Madrid per concentrare i suoi servizi. Dopo una mezza stagione, il fratello di Lucas Hernandez è stato ceduto in prestito alla Real Sociedad la scorsa stagione. L’opportunità per lui di trovare il tempo per giocare, ma questo non è stato sufficiente per convincere i residenti dello stadio Santiago Bernabéu. Come indicato sul nostro sito web il 28 aprile, Zinedine Zidane ha detto al francese che non stava contando su di lui per la prossima stagione.

Il tecnico tricolore voleva affidarsi a Marcelo e reclutare un altro lavoro specializzato, vale a dire Ferland Mendy. Spinto silenziosamente verso l’uscita, il calciatore ventunenne non mancava di pretendenti. Bayer Leverkusen, Napoli e Milan erano tutti molto interessati a mettere le mani su di lui. Ed è stato finalmente i Longobardi a rendere tutti d’accordo su questo tema, pagando la somma di 20 milioni di euro. Per anticipare la concorrenza, hanno potuto contare su una grande risorsa, Paolo Maldini. Quest’ultimo non ha esitato ad andare in prima fila per convincere Theo Hernandez durante un incontro a Ibiza. E questo ha fatto pendere la bilancia mentre il giovane difensore, che ha firmato per 5 anni, ha dichiarato durante la sua conferenza stampa di presentazione questo venerdì pomeriggio.

Theo Hernandez vuole dimostrare e vincere

“Bambina, il mio idolo era Paolo Maldini. Negli ultimi anni, ho studiato Marcelo Real Madrid. È un giocatore che mi ha ispirato. Sono molto orgoglioso di essere al suo fianco. Paolo Maldini è il miglior terzino sinistro della storia. Abbiamo parlato a Ibiza ed è stato importante in questo incontro. Volevo indossare la maglia di Milano. Qui, posso crescere di nuovo. L’incontro con Maldini a Ibiza è stato bello, non posso rivelare i nostri scambi. Sono felice di essere qui oggi. Spero di avere molti consigli da Maldini. Sarà il consiglio di una leggenda che ha avuto lo stesso ruolo di me. Il direttore sportivo e l’ex giocatore credono molto in lui.” Theo è uno dei migliori lati del mondo, deve puntare al top 3. Un mix tra Marcelo e me, sarebbe l’ideale (ride). Parole che devono aver soddisfatto i principali interessati, molto entusiasti del progetto di Milano.

“Sono felice di essere qui, tutti mi hanno accolto calorosamente. Sono sereno. Spero di giocare molte partite con i miei compagni di squadra. Sono eccitato. Sono qui per lavorare e per essere uno dei primi tre al mio posto nel mondo.” Un nuovo inizio dopo un’esperienza al Real Madrid che non è stata davvero compiuta. “Il Real Madrid è un grande club, proprio come l’AC Milan è un grande club. Voglio crescere e rendere felici i fan. Milano è un club con una grande tradizione e una bella immagine. Al Real Madrid, ho detto che volevo giocare per l’AC Milan. Sono venuto qui per vincere e spero di poterlo fare. Anche i giocatori del Milan hanno grandi qualità. Qui, posso portare con la mia velocità, i miei colpi di dribbling e distanza. Voglio imparare a difendere meglio. Sono giovane, la strada è ancora lunga. Theo Hernandez ha ancora il tempo di dimostrare che ha tutto per essere uno dei migliori nel suo lavoro.