L’ultimo duello prenatalizio della 17° giornata della Serie A ci ha offerto uno scontro tra Juventus e AS Roma. La leader del campionato italiano si è imposta logicamente (1-0) grazie a Mario Mandzukic, nonostante l’enorme prestazione del portiere svedese Robin Olsen.

Raggiungere l’impresa per non essere distanziati. Questa è stata la missione dell’AS Roma di Eusebio Di Francesco sul campo dell’Allianz Stadium di Torino contro la Juventus. I visitatori, 10° al via, hanno dovuto fare una prestazione questa sera per salvare la loro prima metà della stagione e non essere lasciati indietro nella corsa per la Champions League. I giallorossi hanno infatti puntato solo a 4 unità del Lazio, 4° in classifica dopo il successo casalingo contro il Cagliari (3-1). A sua volta, era sovrano Juventus con 15 vittorie e un pareggio in questa stagione in Serie A, e voleva colpire un nuovo colpo battendo un concorrente ha annunciato all’inizio della stagione. Per questo shock, Massimiliano Allegri ha deciso di schierare un 4-3-3 con Blaise Matuidi associato a Miralem Pjanic e Rodrigo Bentancur. Davanti, il trio Dybala-Manzukic-Ronaldo era ovviamente responsabile di preoccuparsi della difesa romana. Da parte sua, Eusebio Di Francesco ha lanciato un 4-2-3-1 con Nzonzi e Cristante al recupero. Zaniolo era incaricato di animare il gioco, mentre Florenzi e Under occupavano i corridoi. Patrick Schick era in fila da solo.

La Juve ha immediatamente messo pressione sui rom. Dopo un calcio di punizione battuto da Dybala, Mandzukic mise in area ma Manolas liberò la sua squadra (2°). Se Steven Nzonzi ha tentato la fortuna senza inquadrare, la Juventus ha intensificato la sua dominazione e Olsen ha salvato la sua. Trovato al limite del fuorigioco in area di rigore, Alex Sandro ha controllato e costretto Olsen a fare una bella parata (8°). La Roma poi ha cercato di portare il pericolo nel campo di Torino, ma la gente del posto si è offerta una seconda grande opportunità. Alex Sandro, molto prominente in questa prima partita, è stato armato con un tiro pesante al primo palo che Olsen ha sbattuto un angolo (18°). Sulla scia, il brasiliano, ancora lui, ha armato un nuovo colpo che neutralizza Manolas (19°). La Roma uscì e Schick decise di andare da solo colpendo, senza pericoli per Szczesny, mentre Zaniolo era solo dietro (20). Cristiano Ronaldo ha poi provato un ritorno che era ben al di sopra dell’obiettivo di Roma (22°). A sua volta, Dybala trova sulla sua strada il portiere svedese AS Roma, autore di una perfetta partita di partenza (27°). Ancora una volta in buona posizione, Alex Sandro ha sparato un tiro da sinistra, questa volta fuori dal frame (32°), prima che Ronaldo inciampi su Olsen (33°).

E alla fine, la Juventus ha aperto le marcature. De Sciglio ha mandato l’amore del pallone che Mario Mandzukic ha spinto in profondità nella rete della testa nonostante la presenza di Santon (1-0, 35°). Nzonzi cercò di suonare la rivolta, ma la sua testa fu presa da Szczesny (42°). All’intervallo, la Juventus era logicamente in vantaggio (1-0). Dopo la pausa, Alessandro Florenzi ha ceduto il posto a Justin Kluivert per Roma (46°). I visitatori erano migliori e cercavano di preoccupare Szczesny. Solo le occasioni chiare erano ben sul lato della Juventus, e Ronaldo ha visto la testa di andare oltre (57°) prima di Olsen splende su un nuovo capo dei portoghesi (59°). Sulla scia, Ronaldo, ancora lui, ha preso da sinistra un pallone deviato da Chiellini ma è incappato ancora una volta sul bastione svedese (60°). La Roma stava ancora cercando di uscire, come Santon, ma il blocco difensivo della Juventus ha impedito ai giallorossi di essere pericolosi. Ma è la Juventus che ha pensato di raddoppiare il palo. Su un angolo spinto da Manolas, Chiellini si alzò e Olsen cercò di respingere il pericolo. La palla è finita nelle reti della Roma, ma l’arbitro ha rifiutato l’obiettivo (69°).

Nel processo, Emre Can ha sostituito Miralem Pjanic, mentre Diego Perotti ha preso il posto di Cengiz Under (70°). L’argentino tentò immediatamente la fortuna, ma la palla fu bloccata (72°). Roma tiene la palla ma non riesce a sorprendere il portiere della Juventus. Eusebio Di Francesco ha lanciato Edin Dzeko al posto di Steven Nzonzi, mentre Paulo Dybala ceduto il suo posto a Douglas Costa per la Juventus (80°). L’AS Roma ha concluso la partita con cinque elementi offensivi per tornare all’incontro, e Zaniolo, ben rientrato, è stato contrastato da Chiellini (87°). E in seguito, Critante di testa un calcio di punizione da Perotti, ma il portiere della Juventus ha salvato la sua propria, che vola a raccogliere la sfera (89°). E negli ultimi secondi, Ronaldo rotola sulla destra e trova Costa che pensa di registrare il secondo gol della Juve (90 + 1). Solo, per colpa di Matuidi, l’obiettivo è stato rifiutato. La Juve ha vinto nel suo campo contro la Roma. La gente del posto ha avuto molte occasioni nella partita in cui Robin Olsen, il portiere giallorosso, ha brillato, incapace di impedire a Mandzukic di trovare la colpa (1-0). La Roma è decima. La Juventus mantiene il comando nel campionato, distante dal Napoli ormai di 8 lunghezze.