In occasione dell’Assemblea Generale della Juventus, il Presidente Agnelli ha dato un aggiornamento sulle finanze della Vecchia Signora. Il minimo che possiamo dire è che i bianconeri hanno ambizione.

È tempo per la Juventus. Negli ultimi anni, la Juventus ha speso molto nel mercato dei trasferimenti per rafforzarsi. Le reclute che sono costose per l’immagine di Cristiano Ronaldo, sono arrivate durante la finestra del trasferimento estivo 2018 (100 M €, 30 M € di stipendio annuo). Ma i risultati della Vecchia Signora sono convincenti nelle ultime stagioni, il che aumenta la sua visibilità e il miglioramento della classifica UEFA. In occasione dell’assemblea generale del club piemontese, il presidente Andrea Agnelli ha colto l’occasione per fare alcuni annunci.

Il club di Torino ha quindi riconosciuto un disavanzo di 39,9 M € per l’esercizio 2018/2019, ma un fatturato di 494,4 M €. Non è quindi necessario preoccuparsi, soprattutto perché le entrate future saranno sostanziali. Prima del discorso del CEO, la Juve ha annunciato ufficialmente di aver raggiunto un accordo con FCA Italy SpA (filiale italiana della Fiat Chrysler Automobiles) per aumentare l’affare di sponsorizzazione per il marchio Jeep.

Il capitale è aumentato di € 300 milioni

Questo nuovo accordo si concentrerà sulle stagioni 2019/2020 e 2020/2021 con un aumento di 25 milioni di € dei costi fissi annuali secondo il comunicato stampa. Ma non è tutto. Agnelli ha anche affermato che la capitale della Vecchia Signora sarà presto aumentata di € 300 milioni! Un annuncio forte il cui obiettivo è chiaramente quello di mettere l’attuale leader della Serie A per colmare parte del gap economico con alcuni colossi europei come il Manchester United, il FC Barcelona o il Real Madrid.

I risultati sportivi sono stati straordinari. Il mio pensiero va a Massimiliano Allegri che ha dato un contributo decisivo alla crescita della Juventus. Per quanto riguarda l’aspetto finanziario, l’aumento di capitale di € 300 milioni sarà interamente dedicato al piano di sviluppo 2019-24, che ha tre obiettivi: mantenere la competitività sportiva, aumentare i ricavi operativi e quelli del marchio per livello mondiale. Siamo la più grande azienda italiana, ma solo una delle tante in Europa. Il nostro riferimento è la realtà europea, ha detto. Questo è promettente.