Nella scorsa stagione, il giovane Patrick Cutrone ha perso peso nella squadra rossonero. Tanto che il suo agente ha chiarito che un inizio di ripresa a fine della stagione non è escluso.

La scorsa stagione, il Milan non aveva quasi occhi per lui. A vent’anni, Patrick Cutrone era una delle migliori storie da raccontare in un club lombardo ancora lacerato dalle difficoltà finanziarie del cinese Li Yonghong. Puro prodotto della formazione Rossonera, Cutrone era riuscito a vincere la prima squadra. Meglio, per la sua prima stagione completa in Serie A, il nativo di Como aveva segnato non meno di 10 gol in 28 partite.

Una prestazione da scegliere per questo puro prodotto di allenamento della Rossonera poiché questo totale gli ha permesso di chiudere la stagione 2017/2018 con lo status di capocannoniere del Milan in campionato. Forzato ambizioso dopo il suo primo anno completo in Serie A, Cutrone ha logicamente presentato questa stagione con grandi aspettative. Ma il finalista del Golden Boy disilluso.

Un possibile inizio la prossima estate?

Dopo aver perso il suo attaccante n° 1 quando Gonzalo Higuain è arrivato, Cutrone non ha recuperato il suo bene quando l’argentino è volato a Chelsea. Al contrario Il Milan ha quindi reclutato il capocannoniere Krzysztof Piątek. Autore di 13 gol in 19 partite di Serie A con il Genoa, il polacco si è rapidamente adattato all’ambiente lombardo (5 gol segnati in altrettante partite). Cosa rende il compito ancora più difficile in Cutrone. E questo, l’agente del giocatore, Donato Orgnoni, lo ha capito bene suggerendo che il suo pupillo poteva cambiare aria.

“Will Cutrone rimarrà a Milano? Vedremo… Per interpretare questa affermazione, basta leggerla così com’è. Cutrone è un giocatore che vuole giocare e che ha sempre accettato le scelte dell’allenatore. È normale che, se lo spazio verrà ridotto entro la fine della stagione, vedremo con il club la prossima estate quale sarà la soluzione migliore per il giocatore e per il Milan”, a ha detto in un commento trasmesso dalla Gazzetta dello Sport. Passata dall’essere una bella sorpresa all’essere delusa, Cutrone è diventata una delle prime vittime della politica di reclutamento di Leonardo?