Tornato ai rossoneri nel luglio 2018 per assumere il ruolo di direttore sportivo, il brasiliano sta già facendo le valigie. Con il freddo Ivan Gazidis, Leonardo non ha avuto altra soluzione.

Dopo il revival del Milan da parte del fondo Elliott, dopo il fiasco del regno di Yonghong Li, Leonardo è stato il primo debuttante della versione rossonera 2018/2019. Precedentemente della casa lombarda, il brasiliano era stato assunto per assumere le redini dello sportivo. Una missione che l’ex direttore sportivo del Paris Saint-Germain aveva iniziato perfettamente negoziando alcuni buoni colpi nonostante le finite finanze del Milan.

“Leo” è stato in grado di ottenere tra gli altri i prestiti di Tiémoué Bakayoko e Gonzalo Higuain. Sei mesi più tardi, era in testa a tutte le competizioni europee per offrire il duo rossoneri dei tifosi Lucas Paqueta-Krzysztof Piątek. A questo si aggiunge il desiderio del leader di riportare all’ovile diverse grandi figure del club. Paolo Maldini è stato assunto come direttore dello sviluppo strategico e Kaka dovrebbe sbarcare a settembre, in un ruolo ancora da definire.

Un anno e poi va

Sfortunatamente per Leonardo, il suo teso rapporto con Ivan Gazidis, il nuovo amministratore del club, fu fatale. Annunciato sul sedile caldo all’inizio del mese, il brasiliano ha finalmente deciso di gettare la spugna e lasciare Milanello. “Leonardo Nascimento de Araujo (Leonardo) ha informato l’AC Milan della decisione di lasciare il club alla fine della stagione con effetto immediato. Il Milan ha accettato le sue dimissioni. Il club ringrazia Leonardo per il suo importante contributo al progetto di crescita e gli augura il miglior successo per il resto della sua carriera.”.

Una notizia che farà rinascere inevitabilmente due grosse chiacchiere. Il primo riguarda il desiderio di Gazidis di sostituire il brasiliano con l’uomo responsabile del mercato LOSC, Luis Campos. Per diversi giorni, la stampa italiana ha infatti annunciato che il portoghese è oggetto di un’assidua corte da parte dei milanesi. Infine, l’altro suono del corridoio conduce agli spazi del Parc des Princes, dove Leonardo è annunciato per il successo del tanto criticato Antero Henrique. Attività da seguire.